de nigris small
de-nigris

De Nigris

RICHIEDI INFORMAZIONI



£5.00

Dalla passione artigianale alla leadership internazionale.

Bisogna tornare indietro di ben due secoli, al lontano 1889 per individuare l’anno di nascita dell’Acetificio M. de Nigris, per opera di Armando, il fondatore. Inizia alla fine dell’’800 la storia dell’azienda che affonda le proprie origini in quella che un tempo era la ricca e fertile provincia di Napoli e che fino a pochi decenni prima era stata capitale del Regno delle due Sicilie.

Category:

L'AZIENDA

1889 è l’anno di nascita dell’Acetificio M. de Nigris, per opera di Armando.

Dalla passione artigianale alla leadership internazionale.

Bisogna tornare indietro di ben due secoli, al lontano 1889 per individuare l’anno di nascita dell’Acetificio M. de Nigris, per opera di Armando, il fondatore. Inizia alla fine dell’’800 la storia dell’azienda che affonda le proprie origini in quella che un tempo era la ricca e fertile provincia di Napoli e che fino a pochi decenni prima era stata capitale del Regno delle due Sicilie.

Ed è grazie ad un contesto storico di egemonia in tutto il Sud Italia che nell’area partenopea fiorivano attività, libero commercio, e distretti industriali. E già, distretti quali il polo delle seterie di San Leucio, o il polo ceramico di Capodimonte, o ancora Pietrarsa con le officine ferroviarie, sono testimonianze dii una cultura imprenditoriale che in qualche modo si è riusciti a preservare e talvolta trasmettere.

Dopo l’unità d’Italia, grazie ad un clima di grande entusiasmo e di apertura verso nuovi mercati, a collegamenti più sviluppati e al fermento della giovane Italia, Armando de Nigris, forte di un patrimonio ereditato dalla famiglia, vantando ricette centenarie tramandate da generazioni, diede vita alla produzione di aceti di vino di eccellente qualità. È da allora che la famiglia de Nigris si dedica con passione alla produzione di Aceto. Il motto attribuito a Marcello de Nigris: “i confini non esistono” e la sua lungimiranza, hanno fatto si che l’aceto, da prodotto marginale diventasse presto un condimento “italiano” riconosciuto in tutto il mondo.

TOP